Rating&Consulting regala ai suoi utenti l ‘OUTLOOK “COLLOCAMENTO POSTE ITALIANE”

Scritto il alle 10:03 da Il Respiro del Grafico

www.ratingconsulting.eu 

Quadro quinquennale 2011-2015
Poste italiane presenta una crescita costante nel quinquennio passando da un fatturato di 21,6 Mld di euro a 31,1 Mld previsti per il 2015, in crescita del 43.98%.

Altrettanto bene il trend crescente dei mezzi propri che passano da 2,8 Mld a 8,2 Mld previsti nel 2015, in crescita del 192,58%.

Purtroppo non si può dire che vadano altrettanto bene Ebit ed Utile netto che, nello stesso periodo, passano da 1,6 MLD a 1,0 Mld il primo e da 846 Ml a 643 Ml il secondo, in calo rispettivamente del 35,59% e del 24,01%.

Situazione “altrettanto negativa” per ciò che concerne i debiti finanziari sia di lungo sia di breve periodo (comprensivi di obbligazioni emesse), cresciuti drasticamente passando da 45,1 MLD ai 55,4 previsti per il 2015 , in crescita del 22.8%.

Oneri finanziari calano nel periodo dell’11.53%, calo dovuto esclusivamente da una diminuzione del costo del denaro, nel quinquennio. Gli oneri finanziari pesano comunque sul fatturato per lo 0.22%, soglia indubbiamene sopportabile e non a rischio.

Indici medi del periodo
ROE         10.8%

ROS         2.73%

ROI          1.9%

EVA       5.68%

Considerazioni
Poste Italiane è una società con un fatturato in crescita e con ottime possibilità future di continuare ad incrementare quote di mercato. Necessità però di una globale ed “urgente” riorganizzazione per fermare il declino costante della redditività, degli utili e del dividendo distribuito.

Il management della società deve puntare velocemente a diminuire la situazione debitoria che attualmente è 6,8 volte superiore ai mezzi propri della società, situazione non certo rosea e vicina alla soglia dell’irreversibilità.

Riteniamo ci sia ancora tempo per investire sulla società, ma dovranno essere costantemente monitorati gli indici di redditività e l’indebitamento dell’azienda.

Fair Value
Secondo la nostra analisi il Fair Value del titolo è di 8,5 euro ad azione ne consigliamo pertanto un acquisto tra i 6,0 e i 6,8 euro ad azione, sopra tale valore riteniamo non conveniente la forchetta di prezzo proposta da Poste Italiane al collocamento.

R&C – Analista Marco Magnani

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Tags:   |
Nessun commento Commenta

Segui il blog il respiro del grafico, Registrati!!!
Articoli dal Network
Continua il trend e le logiche spiegate nelle scorse settimane, e non mancano mai gli spunti inter
Ftse Mib: avvio di giornata in frazionale rialzo dimenticando il ribasso di ieri e tornando a puntar
I crac bancari e finanziari degli ultimi anni che si sono succeduti in Italia e all’estero hanno
L'Ocse è stata messa all’indice perché nel suo rapporto sulla situazione italiana presentato il
Quando un argomento mi sta particolarmente a cuore, mi piace integrarlo progressivamente con dat
Chi ci segue sa cosa pensiamo del prossimo accordo con la Cina, carta straccia, non potrà esser
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Un libro sul pensiero ribelle come spinta all'innovazione, perché “rompere le regole” apre la p
Cosa c'entra "Ritorno al Futuro" con la regina delle criptovalute? Ve lo ricordate il film Ritorn
Ftse Mib: prese di profitto sull'indice ma il quadro rimane positivo. Il break di 22.000 punti aprir