La crescita degli USA a cosa è dovuta? Parte 2 – Analista Simone Rubessi

Scritto il alle 17:59 da Il Respiro del Grafico


DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo sono semplici pareri personali dell’autore, con esclusiva finalità educativa e didattica, il suo contenuto non costituisce alcuna forma di consulenza o “raccomandazione di investimento” o “incentivo all’investimento” né in forma esplicita che implicita. Nulla di quanto riportato ha lo scopo di prestare consigli operativi personalizzati, di acquisto e/o vendita, nè raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online ed alla sua situazione finanziaria. L’autore del presente articolo avvisa che quanto scritto o previsto è un semplice punto di vista personale e non deve assolutamente essere considerato attendibile o adatto per possibili guadagni futuri.  Chiunque utilizzi queste informazioni per scopi diversi da quelli didattici lo fa esclusivamente di propria iniziativa e sotto la propria esclusiva responsabilità.

La crescita degli USA a cosa è dovuta? Parte 2 – Analista Simone Rubessi

Riprendendo il discorso di ieri, dicevo che gli USA hanno utilizzato i dazi come espediente per registrare una crescita che non si vedeva da anni.

Come hanno influite i dazi a livello Macroeconomico ? La risposta esatta l’ha data M.B

L’equazione della domanda aggregata (PIL) è uguale a Y=C+I+G-T+NX

in cui C=consumi, I=investimenti, G=spesa pubblica, T=tasse ed NX=esportazioni-importazioni.

Quindi l’unico fattore che incide negativamente sono le tasse, di conseguenza il PIL di uno stato diminuisce se diminuiscono C,I,G ed NX o aumenta T; e viceversa.

I dazi all’importazione hanno fatto diventare i prodotti locali più convenienti rispetto a quelli esteri creando una maggiore produzione industriale interna, la quale porta maggiore occupazione ed inevitabilmente maggiori consumi (variabile C) dato che ci sono più soldi in circolazione.

E’ tanto semplice quanto poco conosciuta la macroeconomia. Capire queste variabili ci aiuta anche in borsa nelle previsioni di lungo periodo, in quanto è possibile comprendere cosa potrebbe causare una manovra dello stato sul suo PIL e di conseguenza sul suo Indice ed in ultima analisi alle sue imprese quotate.

Partecipa al nostro percorso formativo gratuito con una strategia in regalo, applicabile fin da subito. CLICCA QUI PER ACCEDERE: https://goo.gl/nxjQQV



Per visionare l’articolo completo clicca su:
 https://ratingconsulting.wordpress.com/

Per informazioni sull’articolo di Rating&Consulting inviare un’email a:
[email protected]


PERCORSO TECNICO CICLICO PREDITTIVO, ANALISI VISIVA DEL BATTLEPLAN E UTILIZZO DEGLI INDICATORI CICLICI

Per informazioni e iscrizioni:
Ing. Francesco Filippi 349 466 18 24
[email protected]



 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Segui il blog il respiro del grafico, Registrati!!!
Articoli dal Network
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Ftse Mib: dopo la seduta di ieri di forte incertezza chiusa in spinning top, oggi l'indice cerca di
  Tra i vari indici che si possono trovare sul mercato, ce n’è uno che da sempre segu
Tanto tuono che non piovve, alla fine il Governo May decide di subire gli ultimatum europei, dec
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
OPEC: taglio imminente a sostegno delle quotazioni. Ma anche le scadenze dei future lasciano qualc
Alla fine arriva anche il giudizio di un ente apparentemente super partes, ovvero il FMI. Andand
Avvio complicato per il Ftse Mib. L’indice di Piazza Affari affonda sotto quota 19.000 con calo di
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Lasciamo da parte la questione italica e la presentazione a Bruxelles del documento programmatic