Il paradosso formativo nel trading – Analista Simone Rubessi

Scritto il alle 18:33 da Il Respiro del Grafico


DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo sono semplici pareri personali dell’autore, con esclusiva finalità educativa e didattica, il suo contenuto non costituisce alcuna forma di consulenza o “raccomandazione di investimento” o “incentivo all’investimento” né in forma esplicita che implicita. Nulla di quanto riportato ha lo scopo di prestare consigli operativi personalizzati, di acquisto e/o vendita, nè raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online ed alla sua situazione finanziaria. L’autore del presente articolo avvisa che quanto scritto o previsto è un semplice punto di vista personale e non deve assolutamente essere considerato attendibile o adatto per possibili guadagni futuri.  Chiunque utilizzi queste informazioni per scopi diversi da quelli didattici lo fa esclusivamente di propria iniziativa e sotto la propria esclusiva responsabilità.


Il paradosso formativo nel trading – Analista Simone Rubessi

Nel trading a differenza rispetto agli altri mestieri in cui è richiesta una preparazione professionale vi è una propensione all’improvvisazione molto molto pronunciata, intendo che molte persone si improvvisano trader senza mai aver letto un libro di trading o senza aver mai fatto un corso sull’argomento. In qualsiasi altro campo professionale molto raramente ci si improvvisa professionisti in qualcosa, per esempio non ho mai visto un ingegnere che non sia tale, dilettarsi nella progettazione di un ponte o qualcosa del genere, allo stesso modo non ho mai visto nessuno che non sia un chirurgo andare in sala operatoria ad operare un paziente.

Nel trading invece è tutto il contrario, si vedono moltissime persone che si improvvisano professionisti nel settore che fanno trading, ovviamente con pessimi risultati, infatti in questo settore quasi il 90% dei soggetti che operano perdono soldi.

A mio avviso non si ci può improvvisare trader senza formazione, soprattutto perchè la finanza è un settore complesso e pieno di “lupi” che vogliono farvi perdere soldi.

Avete una strada per evitare tutto ciò, la formazione.

Partecipa al nostro percorso formativo gratuito con una strategia in regalo, applicabile fin da subito. CLICCA QUI PER ACCEDERE: https://goo.gl/nxjQQV



Per visionare l’articolo completo clicca su:
 https://ratingconsulting.wordpress.com/

Per informazioni sull’articolo di Rating&Consulting inviare un’email a:
[email protected]


PERCORSO TECNICO CICLICO PREDITTIVO, ANALISI VISIVA DEL BATTLEPLAN E UTILIZZO DEGLI INDICATORI CICLICI

Per informazioni e iscrizioni:
Ing. Francesco Filippi 349 466 18 24
[email protected]



 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags:   |
Nessun commento Commenta

Segui il blog il respiro del grafico, Registrati!!!
Articoli dal Network
Ormai questa finanziaria si sta trasformando in una barzelletta dove i derisi siamo noi, perché
Primi minuti di seduta in lieve rosso per il Ftse Mib che si muove attorno 18.650 punti con una corr
Lo sapete che in una recente intervista e attraverso il nostro Machiavelli ho scritto che il pro
Ecco fatto, adesso la situazione si complica e non di poco. Chi ha visto il video di TRENDS avr
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
La settimana scorsa abbiamo intravisto un quadro di mercato abbastanza negativo. Era necessario un
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Ftse Mib: l'indice italiano apre l'ottava in lieve ribasso. I livelli da monitorare rimangono gli st
L’attenzione in questi giorni è concentrata sulla pensione di primo pilastro, i tentativi per sca
Più di Jerome Powell e della sua FED. Mario Draghi ha dimostrato di essere il banchiere central