Il Credit Crunch – Analista Simone Rubessi

Scritto il alle 17:38 da Il Respiro del Grafico


DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo sono semplici pareri personali dell’autore, con esclusiva finalità educativa e didattica, il suo contenuto non costituisce alcuna forma di consulenza o “raccomandazione di investimento” o “incentivo all’investimento” né in forma esplicita che implicita. Nulla di quanto riportato ha lo scopo di prestare consigli operativi personalizzati, di acquisto e/o vendita, nè raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online ed alla sua situazione finanziaria. L’autore del presente articolo avvisa che quanto scritto o previsto è un semplice punto di vista personale e non deve assolutamente essere considerato attendibile o adatto per possibili guadagni futuri.  Chiunque utilizzi queste informazioni per scopi diversi da quelli didattici lo fa esclusivamente di propria iniziativa e sotto la propria esclusiva responsabilità.


Il Credit Crunch – Analista Simone Rubessi

Oggi spenderò 2 parole in merito al Credit Crunch, per chi non sapesse cos’è, è la ‘stretta creditizia’ provocata dalle autorità monetarie. Si verifica quando le banche sono preoccupate della solvibilità di coloro a cui prestano i soldi e quindi tirano i remi in barca, concedendo prestiti a condizioni più rigide: aumentando i tassi o chiedendo più garanzie.

L’opinione comune pensa che questo fenomeno ci sia stato per tutti ma in realtà non è così, quello che si è verificata è un’asimmetria di questa manovra, in quanto le grandi imprese percepiscono l’80% dei crediti delle banche; mentre le medie, piccole e micro imprese percepiscono il 20% percento dei crediti bancari.

Un fatto non da sottovalutare è che il gruppo di medie, piccole e micro imprese sono circa il 99% del mercato. A me sembra una situazione alquanto paradossale dato che le imprese che forniscono la stragrande maggioranza  dei posti di lavoro ai cittadini abbiano difficoltà ad accedere al credito, mentre le poche grandi imprese hanno surplus di liquidità.

Capite bene che le situazioni economiche non sono casuali, ma indotte attraverso questo tipo di manovre e questa è soltanto la punta dell’iceberg.

Partecipa al nostro percorso formativo gratuito con una strategia in regalo, applicabile fin da subito. CLICCA QUI PER ACCEDERE: https://goo.gl/nxjQQV



Per visionare l’articolo completo clicca su:
 https://ratingconsulting.wordpress.com/

Per informazioni sull’articolo di Rating&Consulting inviare un’email a:
[email protected]


PERCORSO TECNICO CICLICO PREDITTIVO, ANALISI VISIVA DEL BATTLEPLAN E UTILIZZO DEGLI INDICATORI CICLICI

Per informazioni e iscrizioni:
Ing. Francesco Filippi 349 466 18 24
[email protected]



 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Segui il blog il respiro del grafico, Registrati!!!
Articoli dal Network
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Negli ultimi anni l'iPhone, o comunque lo smartphone, ha gradualmente sostituito altri oggetti per i
  Le slides qui sopra parlano chiaro. Se chiediamo a specialisti del settore qual'è il
Lo so che posso sembrare ripetitivo ma la finanza ed i mercati non si stravolgono ogni giorno e
Seduta con partenza in calo per tutta l'Europa in vista della settimana di Ferragosto. I principali
Prima la buona notizia per tutti coloro che credono nel nostro viaggio, nelle nostre visioni...
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
E siamo di nuovo qui a parlare di Poste Italiane. Non prendetela come una guerra personale nei
Presto gli auricolari potrebbero cadere in disuso. Ascoltare la musica, parlare al telefono, ma non