Quanto è importante lo studio – Analista Simone Rubessi

Scritto il alle 10:53 da Il Respiro del Grafico


DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo sono semplici pareri personali dell’autore, con esclusiva finalità educativa e didattica, il suo contenuto non costituisce alcuna forma di consulenza o “raccomandazione di investimento” o “incentivo all’investimento” né in forma esplicita che implicita. Nulla di quanto riportato ha lo scopo di prestare consigli operativi personalizzati, di acquisto e/o vendita, nè raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online ed alla sua situazione finanziaria. L’autore del presente articolo avvisa che quanto scritto o previsto è un semplice punto di vista personale e non deve assolutamente essere considerato attendibile o adatto per possibili guadagni futuri.  Chiunque utilizzi queste informazioni per scopi diversi da quelli didattici lo fa esclusivamente di propria iniziativa e sotto la propria esclusiva responsabilità.


Quanto è importante lo studio – Analista Simone Rubessi

La differenza tra i trader che studiano ed i trader che non studiano.

È curioso il fatto che una buona parte di trader con cui ho parlato siano restii a fare corsi di Trading, in quanto si affidano a tecniche rudimentali nella migliore delle ipotesi, oppure operano leggendo qualche notizia nella peggiore. Il risultato è quasi sempre in perdita di migliaia di euro, eppure questi non vedono di buon occhio i corsi.

Per esperienza posso garantirvi che tutti i trader che si possano chiamare tali hanno studiato moltissimo in questo settore, addirittura molti di questi continuano a ricercare nuove strategie. Non voglio dire che tutti debbano arrivare a questo livello ma è certo che più una persona studia e più è preparata per affrontare i mercati. Può sembrare uno spreco di soldi ma non immaginate quanti soldi vi farà risparmiare in perdite evitate.

Il consiglio che vi dò è di cimentarvi nello studio della materia e imparare ad applicare bene una strategia, comprendendo le logiche sottostante e vinci. Non è facile ma così è possibile, diversamente sei destinato ad essere nell’ 86% dei trader che perdono soldi.

A te la scelta.

CLICCA questo link per leggere tutto l’articolo

Quanto è importante lo studio

Alla fine ci sarà un regalo.



Per visionare l’articolo completo clicca su:
 https://ratingconsulting.wordpress.com/

Per informazioni sull’articolo di Rating&Consulting inviare un’email a:
[email protected]


PERCORSO TECNICO CICLICO PREDITTIVO, ANALISI VISIVA DEL BATTLEPLAN E UTILIZZO DEGLI INDICATORI CICLICI

Per informazioni e iscrizioni:
Ing. Francesco Filippi 349 466 18 24
[email protected]



 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Segui il blog il respiro del grafico, Registrati!!!
Articoli dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Stoxx Giornaliero Buongiorno e ben ritrovati, faccio un veloce aggiornamento sulla situazione
Mentre scrivo questo articolo, il mercato delle criptovalute sta passando un momento di profondo
Il grande protagonista (oltre alla Lira Turca) è sicuramente il Dollaro USA che si dimostra val
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
L’ho detto in passato e lo ripeto. Abbiamo sottovalutato quell’uomo. Dietro all’aspetto de
La crisi turca non cambia, al momento, l'impostazione degli operatori della borsa USA. C'è quindi
Agosto non si smentisce e quando meno te lo aspetti, eccoti arrivare la sorpresina. La crisi Turca
Cari amici lettori, il vostro autore scapestrato prova ad andare qualche giorno in ferie.
Noi questa volta partiamo da qui, dall'articolo del Sole 24 Ore, ma soprattutto dall'esposizione