Perchè il trading è difficile  – Analista Simone Rubessi

Scritto il alle 19:02 da Il Respiro del Grafico


DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo sono semplici pareri personali dell’autore, con esclusiva finalità educativa e didattica, il suo contenuto non costituisce alcuna forma di consulenza o “raccomandazione di investimento” o “incentivo all’investimento” né in forma esplicita che implicita. Nulla di quanto riportato ha lo scopo di prestare consigli operativi personalizzati, di acquisto e/o vendita, nè raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online ed alla sua situazione finanziaria. L’autore del presente articolo avvisa che quanto scritto o previsto è un semplice punto di vista personale e non deve assolutamente essere considerato attendibile o adatto per possibili guadagni futuri.  Chiunque utilizzi queste informazioni per scopi diversi da quelli didattici lo fa esclusivamente di propria iniziativa e sotto la propria esclusiva responsabilità.


Perchè il trading è difficile  – Analista Simone Rubessi

Oggi vi spiegherò perchè secondo me il trading è difficile nonostante tecnicamente non lo sia. Il mestiere di trader a livello tecnico non è difficile; imparando una strategia profittevole basterebbe applicarla con precisione, ma questo mestiere mette a dura prova la nostra parte emozionale che va a cozzare con quella analitica.

Per parte emozionale intendo il non saper accettare le sconfitte di alcune operazioni sbagliate e la voglia di metterci sempre del proprio nell’operatività.

Sembra strano a dirsi, ma molto spesso questo è l’unico problema che non ci permette di guadagnare, anche ammettere questa stessa cosa ci viene difficile e molto spesso ci convinciamo che il problema non siamo noi ma il mercato o la strategia.

Il miglior consiglio che posso darvi è di superare questi scogli emozionali, e lo potete fare solo praticando.

Ti piacerebbe avere una strategia operativa GRATUITA ? https://goo.gl/nxjQQV



Per visionare l’articolo completo clicca su:
 https://ratingconsulting.wordpress.com/

Per informazioni sull’articolo di Rating&Consulting inviare un’email a:
[email protected]



ABBONAMENTO GIORNALIERO VIEW SULL’EURODOLLARO

Per informazioni o abbonamento:
Ing. Francesco Filippi 349 466 18 24
[email protected]


PERCORSO TECNICO CICLICO PREDITTIVO, ANALISI VISIVA DEL BATTLEPLAN E UTILIZZO DEGLI INDICATORI CICLICI

Per informazioni e iscrizioni:
Ing. Francesco Filippi 349 466 18 24
[email protected]



VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Segui il blog il respiro del grafico, Registrati!!!
Articoli dal Network
Ricorderete qualche giorno fa, quando vi ho proposto il grafico che i ripropongo in apertura, ov
Su Powell e la Fed credo che ci sia ben poco da dire, in realtà nulla è cambiato, anche se sul
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Ecco in real time un estratto dei concetti più importanti detti da Mario Draghi nel suo post Me
Dopo il meeting FED di ieri, oggi è il turno della BCE che si riunisce per l’occasione a Riga
Ftse Mib: indice alla prova dei fatti oggi in attesa del meeting della BCE. Il listino tricolore inf
Quanto accaduto ieri sera in ambito FOMC non ci ha certo sorpresi. Tutto come da copione e non p
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Dot Plot FED: cosa pensano i membri del FOMC e cosa pensa il mercato oggi Oggi la FED, domani