INDICE DI FORZA RELATIVA – Analista Simone Rubessi

Scritto il alle 12:47 da Il Respiro del Grafico

DISCLAIMER
Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo sono semplici pareri personali dell’autore, con esclusiva finalità educativa e didattica, il suo contenuto non costituisce alcuna forma di consulenza o “raccomandazione di investimento” o “incentivo all’investimento” né in forma esplicita che implicita. Nulla di quanto riportato ha lo scopo di prestare consigli operativi personalizzati, di acquisto e/o vendita, ne raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online ed alla sua situazione finanziaria. L’autore del presente articolo avvisa che quanto scritto o previsto è un semplice punto di vista personale e non deve assolutamente essere considerato attendibile o adatto per possibili guadagni futuri.  Chiunque utilizzi queste informazioni per scopi diversi da quelli didattici lo fa esclusivamente di propria iniziativa e sotto la propria esclusiva responsabilità.



Per Informazioni su questo articolo scrivere direttamente a:
[email protected]


INDICE DI FORZA RELATIVA

Oggi riprendo l’indicatore Indice di forza relativa (IFR), il quale relaziona la performance di uno strumento finanziario rispetto all’altro, indicando quando uno sovraperformerà rispetto all’altro e viceversa.

Questo strumento è molto utile per un’ operatività Doubleway.

Nell’esempio esponiamo l’indicatore IFR convenienza su UBI Banca in cui si possono notare 2 sinusoidi una blu ed una rossa.

Quando la sinusoide blu è sopra a quella rossa il titolo (UBI) sovraperformerà rispetto all’indice, mentre quando la sinusoide rossa è sopra a quella blu sarà l’indice a sovraperformare rispetto al titolo.

Da considerare però che questo indicatore ha una centratura meno erratica rispetto a quella dell’ indicatore di ciclo ma è comunque una centratura, di conseguenza ha bisogno di conferme da parte di altri indicatori non centrati.


Dato che il precedente indicatore rappresentava il ciclo IFR Mensile come conferma dell’inizio di un ciclo, possiamo usare la rottura della media mobile Mensile (cerchio in figura).

Per ottimizzare sarebbe meglio la media mobile del ciclo inferiore, quindi quella del T+1.


Medio periodo FTSEMIB

Dall’immagine si nota che per ora i prezzi stanno rispettando bene sia il Battleplan che il DNA.

Al termine del ciclo mensile mancherebbe il terzo ciclo T+1, il cui termine dovrebbe portare i prezzi sulla media mobile dell’ Intermestrale (gialla).



PERCORSO TECNICO CICLICO PREDITTIVO, ANALISI VISIVA DEL BATTLEPLAN E UTILIZZO DEGLI INDICATORI CICLICI

Per informazioni e iscrizioni:
Ing. Francesco Filippi 349 466 18 24
[email protected]



www.ratingconsulting.com


Per Informazioni su questo articolo scrivere direttamente a:
[email protected]



 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Segui il blog il respiro del grafico, Registrati!!!
Articoli dal Network
Mancano ancora dei segnali importanti ma guardando i grafici intermarket sembra proprio che ci s
Da Montalbano ai Cesaroni, da Don Matteo a Rocco Schiavone, quanto costano le case nell’Italia
In molti si sono chiesti in questi giorni: “ma come è possibile far salire i tassi di interes
Ftse Mib: dopo la rottura di ieri dei 22.500 punti l'indice tricolore oggi intende recuperare tale l
Due sono i temi che appassionano da sempre e che hanno impatti mediatici oscillanti a seconda del co
sho Italia, la principessa sullo spread, questo probabilmente sarà il titolo del mio prossimo li
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Et voilà. Intermarket docet. Ne ho parlato copiosamente nei giorni scorsi e soprattutto nel vi
Ftse Mib: il Ftse Mib apre debole oggi e si mantiene ancora sul supporto statico dei 22.500 punti. N
Alla fine avevano ragione loro, Galbraith e Friedman le banche centrali servono a poco o a nulla