COMMENTI DEGLI STUDENTI SUL PERCORSO SULLA TEORIA DEI CICLI

Scritto il alle 12:58 da Il Respiro del Grafico

Logo toro e orso per presentazione trading


COMMENTI DEGLI STUDENTI SUL PERCORSO SULLA TEORIA DEI CICLI
Molti studenti che hanno partecipato al percorso di due giornate sulla Teoria dei Cicli, e che vorrebbero fare un commento sul corso o domande di approfondimento, mi comunicano che non riescono a farlo dal blog ilrespirodelgrafico.borse.it.

Il motivo è che per fare commenti sul blog è necessario essere iscritti al portale www.borse.it .

COME ISCRIVERSI AL PORTALE BORSE.IT
Per farlo devono registrarsi al portale www.borse.it  selezionando la voce “Registrati” in alto a destra nella Home Page.
In questo modo si possono fare commenti su qualsiasi sezione del blog

REGISTRAZIONE AL BLOG
Chi si registra al blog invece riceve l’avviso delle pubblicazioni degli articoli.

Nella sezione COMMENTI DEI CORSISTI trovate invece i commenti esistenti.

Grazie,
Francesco Filippi

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Segui il blog il respiro del grafico, Registrati!!!
Articoli dal Network
Mancano ancora dei segnali importanti ma guardando i grafici intermarket sembra proprio che ci s
Da Montalbano ai Cesaroni, da Don Matteo a Rocco Schiavone, quanto costano le case nell’Italia
In molti si sono chiesti in questi giorni: “ma come è possibile far salire i tassi di interes
Ftse Mib: dopo la rottura di ieri dei 22.500 punti l'indice tricolore oggi intende recuperare tale l
Due sono i temi che appassionano da sempre e che hanno impatti mediatici oscillanti a seconda del co
sho Italia, la principessa sullo spread, questo probabilmente sarà il titolo del mio prossimo li
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Et voilà. Intermarket docet. Ne ho parlato copiosamente nei giorni scorsi e soprattutto nel vi
Ftse Mib: il Ftse Mib apre debole oggi e si mantiene ancora sul supporto statico dei 22.500 punti. N
Alla fine avevano ragione loro, Galbraith e Friedman le banche centrali servono a poco o a nulla