Analisi Euro Dollaro Lunedì 24 Novembre 2014

Scritto il alle 16:37 da Il Respiro del Grafico

PREVISIONE
Mi piacerebbe potervi dire che il movimento dell’Euro Dollaro è stato causato dalle notizie pervenute a fine settimana, ma non posso non notare che il movimento ciclico è stato assolutamente perfetto, come dalle analisi precedenti e su questo lavoreremo.

Vediamo quindi cosa è successo, cercando di predire il movimento successivo.
Naturalmente adatterò una piccola parte della mia analisi passata, al movimento della settimana scorsa, certo che non sarà una forzatura, come potrete constatare, ma che andrà ad arricchire il DNA degli aggiustamenti dei movimenti possibili di questa importante valuta e di cui terrò conto in futuro.

COSA E’ SUCCESSO Venerdì 21 Novembre 2014
Come vediamo dal grafico della settimana scorsa avevo tracciato un canale (in blue) rialzista per il quale tracciavo un’area di target in zona 1,2590/1,26035. In un articolo successivo, in seguito al minimo di 1,23985 del 14 Novembre (fine del ciclo Weekly), nel modificare il canale dal blue al verde, avevo affermato che l’area dei target precedenti non sarebbe forse più stata raggiunta e che il target sarebbe stato 1,2565 (ha fatto 1,25708 in una candela a 4h per poi fare 1,26005 la candela successiva in seguito alle notizie sulla Germania).

IL MERCATO RICORDA TUTTO
Quello che, secondo me, è successo è che il mercato si è ricordato del canale blue come resistenza dei massimi dando però perfettamente spazio al tempo ciclico di fine del Weekly scorso, fine ciclica che ha creato la trend line supportiva del canale verde, la cui parallela sui massimi, tracciata per quello del 10 Novembre, ha comunque fatto da resistenza all’isteria dei massimi del 20 Novembre.
L’area dei massimi identificata in precedenza è stata perfettamente rispettata e il massimo ha centrato in pieno l’area nel rettangolo in rosso. Essendo poi, il 21 Novembre, al quarto giorno di un ciclo Weekly il ribasso non poteva che essere fisiologico.

TARGET RIBASSISTI
Il target poi, che avevo indicato in area 1,2430/1,2450, è stato raggiunto e superato, andando a cercare però questa volta la trend line (in viola) dello Sperandeo del break rialzista del 14 Novembre, trend ritracciata subito il giorno dopo il break. L’area 1,2430/1,2450, identificata sulla trend line (in rosso) del canale ciclico mensile, non era proprio corretta, in effetti, in quanto trend line resistiva del canale dei cilci Mensili e non di quelli Weekly.

COSA SUCCEDERA’ NEI PROSSIMI GIORNI
Quello che dovrebbe succedere ora è che il prezzo, in attesa della fine del ciclo Weekly attuale iniziato il 14 Novembre, troverebbe in Lunedì 24 il suo termine in area 1,2350/1,23805 (1,23805 è l’apertura della piccola Doji del 6 Novembre).

Questo secondo Weekly, se da un lato, identifica il comportamento di un ciclo Mensile debole, dall’altro segnala che i suoi prossimi due Weekly saranno destinati a creare un trading range di accumulazione che, nel time frame mensile potrebbero trasformarsi in una candela Doji (segno di inversione rialzista di breve) dando così il tempo agli indicatori RSI e CCI, del time frame Weekly, di entrare temporaneamente in divergenza positiva per un piccolo rimbalzo.

PARTENZA CICLO ANNUALE
Si fa sempre più probabile che l’inizio del ciclo Annuale potrebbe essere avvenuto il 7 Novembre e non il 3 Ottobre, ma siamo proprio al limite. Questa scelta dipenderebbe dalla sosta che il prezzo ha fatto dal 7 al 14 Novembre sotto area 1,25 troppa, anche se solo per un paio di giorni, per potere decretare l’inizio dell’Annuale al 3 Ottobre.

Ma come sappiamo il mercato è imperfetto in alcune situazioni e siamo in presenza di una di queste, anche se da un lato, molto chiara. Se la partenza del ciclo Annuale fosse quindi il 7 Novembre, ci aspetteranno tre mesi sopra la minimo fatto quel giorno a 1,23580, prima di brekkare al ribasso.

Buon trading!

Analisi Euro Dollaro Lun 24 Nov 2014 4h

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)
Nessun commento Commenta

Segui il blog il respiro del grafico, Registrati!!!
Articoli dal Network
Mancano ancora dei segnali importanti ma guardando i grafici intermarket sembra proprio che ci s
Da Montalbano ai Cesaroni, da Don Matteo a Rocco Schiavone, quanto costano le case nell’Italia
In molti si sono chiesti in questi giorni: “ma come è possibile far salire i tassi di interes
Ftse Mib: dopo la rottura di ieri dei 22.500 punti l'indice tricolore oggi intende recuperare tale l
Due sono i temi che appassionano da sempre e che hanno impatti mediatici oscillanti a seconda del co
sho Italia, la principessa sullo spread, questo probabilmente sarà il titolo del mio prossimo li
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Et voilà. Intermarket docet. Ne ho parlato copiosamente nei giorni scorsi e soprattutto nel vi
Ftse Mib: il Ftse Mib apre debole oggi e si mantiene ancora sul supporto statico dei 22.500 punti. N
Alla fine avevano ragione loro, Galbraith e Friedman le banche centrali servono a poco o a nulla